Spedizione gratuita in Spagna continentale

Iscriviti alla nostra newsletter e ottieni il 10% di sconto

Cos’è la fascia?

La fascia è un tipo di tessuto connettivo che circonda e tiene in posizione ogni organo, vaso sanguigno, osso, fibra nervosa e muscolo. È un tessuto che fa molto di più che fornire strutture interne, poiché è anche attraversato da nervi che permettono una maggiore sensibilizzazione della pelle.

Anche se la fascia sembra un foglio di tessuto, è in realtà composta da più strati con un fluido nel mezzo chiamato ialuronano. È progettato per allungarsi mentre ti muovi. Ma ci sono alcune cose che fanno sì che la fascia si ispessisca e diventi appiccicosa. Quando è secca e stretta intorno ai muscoli, può limitare la mobilità e causare lo sviluppo di nodi dolorosi.

Dolore e rigidità muscolare legati alla fascia

Una fascia sana è liscia, scivolosa e flessibile. I fattori che fanno sì che la fascia diventi gommosa e rugosa (chiamata adesione) includono:

  • Uno stile di vita di limitata attività fisica (poco movimento giorno per giorno)
  • Movimenti ripetitivi che sovraccaricano una sola parte del corpo
  • Trauma come un intervento chirurgico o una ferita
C’è un dolore specifico nella fascia?

Determinare se il dolore è dovuto ai muscoli, alle articolazioni o alla fascia può essere difficile. In generale, le lesioni muscolari e i problemi articolari si sentono peggio quanto più ci si muove. Le aderenze della fascia tendono a sentirsi meglio con il movimento e rispondono bene anche alla terapia del calore, che aiuta a ripristinare l’elasticità del tessuto.

Per alcune persone, le aderenze possono peggiorare nel tempo, facendo sì che la fascia comprima e contorca i muscoli circostanti. Questo può portare a nodi dolorosi nei muscoli, chiamati trigger point. La sindrome del dolore miofasciale è una condizione in cui questi punti trigger causano dolore:

  • Durante il movimento
  • Quando viene applicata la pressione
  • In parti del corpo apparentemente non correlate (dolore riferito)


Il trattamento si concentra sull’alleviamento del dolore e sul portare la fascia e le fibre muscolari in uno stato più rilassato. Le opzioni mediche includono la somministrazione di antidolorifici, trattamenti topici con antidolorifici con un effetto riscaldante, fisioterapia, iniezioni di farmaci direttamente nei punti trigger così come l’agopuntura.

Come mantenere la fascia flessibile

Mantenere la fascia sana ha molti benefici. Vi muoverete più facilmente, avrete una migliore gamma di movimento e proverete meno dolore. Le cose che si possono fare per prevenire i problemi alla fascia includono:

  • Muoviti di più: oltre a una routine di esercizio coerente ma varia, è importante essere attivi durante la giornata. Ha un lavoro d’ufficio? Fai almeno due minuti di pausa ogni ora per alzarti e muoverti, il che aiuta la fascia a rimanere flessibile. Prenda in considerazione la possibilità di camminare durante le riunioni o di alzarsi e camminare mentre partecipa alle chiamate in conferenza.
  • Fare stretching regolarmente: Lo stretching è essenziale per una buona salute. Riduce il rischio di infiammazioni e problemi strutturali nel corpo.
  • Concentrarsi sulla postura: Trascurare la postura alla scrivania o al telefono o camminare in modo goffo per compensare un infortunio può causare un restringimento della fascia. Cercate di mantenere una buona postura mentre siete seduti o in piedi.


La maggior parte delle persone sperimenta i muscoli tesi di tanto in tanto. Ma è
importante per ottenere aiuto per il dolore cronico o grave, che può essere un segno di un gravi condizioni di salute. Se continua ad avere dolore nonostante gli sforzi per alleviarlo o se il dolore interferisce con il sonno o le attività quotidiane, parlane con il tuo medico o con uno specialista di medicina integrativa e dello sport. medicina integrativa e sportiva.

Perché questo corpo è diventato così importante negli ultimi anni?

La fascia non è un organo nuovo per la scienza. Tuttavia, è solo di recente che ha cominciato a guadagnare importanza. Veniva addirittura scartato nelle lezioni di anatomia perché era considerato “spazzatura” e disturbava il lavoro di dissezione. A causa del fatto che non ha ricevuto la dovuta attenzione da parte della scienza, si ritiene ora che questo organo possa fornire nuove informazioni sulla meccanica del movimento. Inoltre, sono stati avviati diversi studi sulle loro funzioni e implicazioni nelle malattie. Anche se è stato ampiamente dimenticato negli studi sul movimento, esistono terapie e terapie.
trattamenti che si concentrano sulla guarigione delle fasce. Esempi sono il Rolfing, sviluppato nel XX secolo da Ida Rolf e il metodo di induzione miofasciale. Queste terapie sono applicate soprattutto su atleti e sportivi per migliorare le loro prestazioni e prevenire le lesioni. Nelle persone anziane, i trattamenti per la salute della fascia hanno
per migliorare l’elasticità che si perde con l’età, per prevenire o trattare i dolori
problemi legati alla schiena, alle articolazioni o alla meccanica del movimento.

Bibliografia.
Stecco et al. Disturbi fasciali: implicazioni per il trattamento (2016).
https://doi.org/10.1016/j.pmrj.2015.06.006

Altri articoli correlati

Abrir chat