Spedizione gratuita in Spagna continentale

Iscriviti alla nostra newsletter e ottieni il 10% di sconto

Torticollis

La pandemia causata da COVID-19 ha causato l’esplosione del telelavoro. Quasi un milione di altre persone si sono unite a questa formula di successo.

Questo ci fa lavorare da casa, passando ore nella stessa posizione sulla nostra sedia da salotto, con il risultato di una cattiva postura per ore e ore, e causando il dolore al collo di cui tutti abbiamo sofferto in un momento o nell’altro: il torcicollo.

Cos’è il torcicollo?

Il torcicollo è una contrazione involontaria dei muscoli che compongono il collo (Sternocleidomastoideo, Genioide, Scala anteriore…), generando dolore, che può salire fino alla testa o scendere fino alla spalla o dorsale, e provocando la rotazione della testa da un lato.

Possiamo svegliarci un giorno incapaci di muovere il collo, o dopo un periodo di tempo possiamo iniziare a sentire “strattoni” nella zona e qualcuno dice: “Hai dormito in una cattiva postura”. Ecco cos’è il torcicollo. Questo perché i muscoli e i legamenti del collo cambiano posizione quando manteniamo una postura scomoda per un periodo di tempo prolungato, causando strappi muscolari o legamenti.

Tutti, indipendentemente dall’età o dall’attività fisica, possono essere colpiti dal torcicollo in un certo momento, poiché può insorgere in numerose attività quotidiane come lavorare o dormire.

Cause del torcicollo

Le cause di questa contrattura sono molteplici e comuni nella nostra vita quotidiana.

  • Cattiva posizione del collo durante il sonno.
  • Forte movimento del collo, volontario o come risultato di un colpo.
  • Movimento forzato del collo.
  • Pessima postura quando si lavora o si sta seduti.
  • Associato, come malattia secondaria, a lesioni alla spalla o al collo.
  • Uso prolungato di un telefono cellulare o di un tablet in una posizione che affatica il collo.
  • Problemi congeniti. Un bambino può nascere con un torcicollo congenito.
  • Come risultato di malattie che causano movimenti involontari e spasmi muscolari, come il morbo di Parkinson.

Sintomi del torcicollo

Il dolore causato da questa condizione di solito inizia con un piccolo dolore al collo, o una leggera limitazione della mobilità del collo, dopo una cattiva postura prolungata.

Tuttavia, il torcicollo ha sintomi chiari: rigidità del collo e mobilità ridotta, fastidio quando si inclina la testa, dolore nella zona del collo o incapacità di spostare la testa in una certa posizione.

Generalmente, questi sintomi si riscontrano al risveglio a causa di una cattiva postura durante il sonno, anche se possono essere riscontrati anche dopo un lungo allenamento o una dura sessione di sport. E naturalmente potrebbero apparire dopo un incidente o una differenza di temperatura significativa.

Evitare il torcicollo

Non c’è una formula esatta su come prevenire il torcicollo nella nostra vita, come potrebbe apparire per una semplice disattenzione nella nostra sessione di lavoro.

Si consiglia di cercare di evitare la cattiva postura, soprattutto nelle attività quotidiane come lavorare o usare il cellulare, e le posture scomode per dormire, oltre a prestare attenzione al cuscino e al materasso che si usa.

Si raccomandano anche tecniche di stretching o di rilassamento per la zona cervicale, così come un massaggio delicato con contrasto termico.

Come trattare il torcicollo? 3 rimedi casalinghi

Non dobbiamo usare solo farmaci per trattare il torcicollo, ci sono alcuni mezzi che possono aiutarci a ridurre il dolore e a lenire questa contrattura senza bisogno di farmaci o di un professionista della salute.

Il trattamento può variare a seconda della causa, soprattutto se deriva da un problema congenito. Tuttavia, questi 3 rimedi porteranno sollievo indipendentemente dalla causa:

Massaggio rilassante per alleviare il torcicollo

Massaggiare i muscoli del collo usando oli essenziali o creme rilassanti può essere un ottimo modo per alleviare la tensione nei muscoli del collo.

Quando mettiamo in pratica questo rimedio, dobbiamo ricordare che non siamo massaggiatori o fisioterapisti, quindi è essenziale essere molto attenti ed evitare di applicare troppa pressione o movimenti improvvisi quando si massaggia la zona.

Contrasto termico

L’applicazione di panni di acqua calda sulla zona del disagio per 15 minuti è un metodo molto efficace per rilassare la tensione nei muscoli e lenire il dolore.

Potresti anche usare creme ad effetto calore, o creme ad effetto freddo, come quelle che abbiamo a Pentalium per ottenere quel contrasto a termine.

Se nessuno dei mezzi di cui sopra può essere ottenuto, un semplice test di contrasto di 10 minuti con acqua fredda – anche l’acqua calda può essere molto efficace.

Cambiare la nostra posizione di volta in volta

Se si lavora nella stessa posizione per molte ore, o si devono svolgere attività quotidiane che richiedono di rimanere nella stessa posizione per molto tempo, un ottimo rimedio sarebbe quello di reimpostare la propria posizione, facendo una breve pausa, ogni tanto.

Proponiamo una pausa di 2 – 3 minuti ogni 30 minuti che manteniamo la stessa posizione. Durante queste brevi pause cambieremo la postura e allungheremo i muscoli se sentiamo qualche tensione. Alzarsi e camminare un po’ sarà anche una buona pratica da fare durante queste pause. Al contrario, se la nostra posizione è in piedi, possiamo anche sederci durante queste pause.

Tuttavia, se il dolore persiste per più di 3 giorni, o se si verificano altri disturbi come febbre, formicolio o perdita di forza in alcune aree del corpo, cercare aiuto medico e consultare un professionista della salute.

Altri articoli correlati

Abrir chat